Londra non si smentisce mai: ecco il sound di SBTRKT

La saga dei nomi difficili da pronunciare? Negli ultimi anni abbiamo avuto nella scena indie/nu disco gli MGMT (the Management, da Brooklyn), oppure i MSTRKRFT (Masterkraft, dal Canada).Il trend degli artisti mascherati? Beh, dai nostrani Bloody Beetroots, fino agli storici Daft Punk, ne abbiamo viste di tutte le tipologie.

Originalità a parte, stiamo parlando di un artista pluricitato da artisti di fama mondiale e anche dai migliori magazine musicali/blog/etc..Parliamo di Aaron Jerome, meglio noto come SBTRKT (Subtract) che arriva dall’Europa, più precisamente London, UK.

La sua carriera che lo ha fatto conoscere ormai in tutto il mondo dall’album omonimo è iniziata un po’ di anni fa, come DJ remixer di artisti quali Basement Jaxx, M.I.A. e come DJ del noto locale Plastic People di Londra.

Amato dal buon Pete Tong, ha ottenuto visibilità grazie a BBC Radio 1 per il suo sound difficile da definire, in un’epoca dove il mash-up è la normalità e rientrare in un genere è roba da sfigati: qui il genere si crea da zero, fondendo un po’ di classica two-step e funky UK, fino ad avere qualche elemento house + RnB e dubstep, che ormai è da tutte le parti.

Curiosità?

La maschera è disegnata da Hidden Place (su twitter @ahiddenplace) e SBTRKT durante i suoi live set spara sample e usa la batteria elettrica, accompagnato dal socio Sampha che si occupa delle tastiere e canta.

Se vi capita di fare un salto negli States nei prossimi mesi, non perdetevi il suo US tour!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...